Erogazione buoni mensili

BUONI PER IL RITIRO DEI PRODOTTI SENZA GLUTINE

A partire dal 1982 i celiaci ottennero, dietro richiesta di AIC, la gratuità degli alimenti, confermata dal Decreto Veronesi  (Decreto del Ministero della Sanità, 8 giugno 2001) e riconfermata, con veste di “diritto”, dalla Legge 123/2005 che all’art. 4 dichiara che “ai soggetti affetti da celiachia è riconosciuto il diritto all’erogazione gratuita dei prodotti dietoterapeutici senza glutine”. L’erogazione gratutita rientra all’interno dei tetti di spesa stabiliti oggi dal decreto del Ministero della Salute del 10/08/2018, che, come i precedenti, prevedono la copertura del costo aggiuntivo dei prodotti senza glutine e tengono conto dei fabbisogni calorici e del costo medio degli alimenti senza glutine.

Per approfondimenti sul Decreto Ministeriale del 10/08/2018 clicca QUI.

A partire dal 1° gennaio 2019 la Regione Piemonte applica i tetti di spesa previsti dal decreto 10/08/2018.

Vedi la TABELLA di confronto dei tetti di spesa

PROCEDURA PER BUONI PER IL RITIRO DEI PRODOTTI SENZA GLUTINE

Dal 1° luglio 2018 è stata avviata in Piemonte la procedura di dematerializzazione dei buoni cartacei per il ritiro dei prodotti senza glutine (LEGGI LA NEWS )


Coloro che hanno ricevuto la diagnosi di celiachia da un Centro diagnosi accreditato hanno diritto a buoni mensili per il ritiro di prodotti dietetici senza glutine (cd. “erogabili”).

I prodotti dietetici erogabili a fronte dei buoni mensili sono quelli elencati sul Registro Nazionale del Ministero della Salute concernente l’Assistenza Sanitaria integrativa relativa ai prodotti destinati ad una alimentazione particolare (di cui all’art. 7 del DM 8 giugno 2001). Tale elenco è disponibile, nei suoi aggiornamenti periodici sul sito del Ministero della Salute.

Dopo la diagnosi di celiachia ricevuta da un Centro di diagnosi accreditato, occorre recarsi all’Ufficio Assistenza Integrativa e Protesica dell’ASL di competenza  per ottenere l’erogazione dei buoni tramite accredito mensile sulla Tessera Sanitaria.

Gli importi dei buoni mensili (IVA INCLUSA) sono quelli previsti dal Decreto Ministeriale, ovvero:

  • da 6 mesi a 5 anni, 56 €
  • da 6 a 9 anni, 70 €
  • da 10 a 13 anni, 100 € per i maschi e 90 € per le femmine
  • da 14 a 17 anni, 124 € per i maschi e 99 € per le femmine
  • da 18 a 59 anni, 110 € per i maschi e 90 € per le femmine
  • da 60 anni, 89 € per i maschi e 75 € per le femmine

I buoni possono essere spesi negli esercizi convenzionati con le ASL (farmacie, negozi specializzati, supermercati).

A questo link della Regione Piemonte si trova l’elenco man mano aggiornato dei PUNTI VENDITA convenzionati.

A questo link si trovano le “istruzioni per l’uso” della Tessera Sanitaria per il ritiro dei prodotti senza glutine.

Le norme che regolano l’erogazione in Regione Piemonte sono disponibili in questa pagina.

Consulta la pagina relativa alla Valle d’Aosta.

Esenzioni per patologia

Normativa nazionale

Nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) 

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il 12 gennaio scorso il Decreto “Definizione e aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza, di cui all’articolo 1, comma 7, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502” pubblicato in G.U. n. 15 del 18/03/2017.

Il decreto prevede che la celiachia cessi di essere classificata come “malattia rara” e venga inserita nell’elenco della malattie croniche.
Poiché la Sanità è di competenza regionale, l’applicazione dei nuovi LEA richiede che ciascuna regione recepisca con propri atti il decreto.

Permangono in esenzione le prestazioni sanitarie appropriate per il monitoraggio della malattia, delle sue complicanze e per la prevenzione degli ulteriori aggravamenti. Le Linee guida sono consultabili sul sito della Federazione AIC  al seguente link:  http://www.celiachia.it/AIC/AIC.aspx?SS=351&M=863 (pag.149).

Codici di esenzione
Malattia Celiaca e Dermatite Erpetiforme: 059

Rete Interregionale del Piemonte e della Valle d’Aosta per le malattie rare sito web: www.malattierarepiemonte.it